I NUTRICEUTICI

Sostanze naturali ad attivita antiossidante da fonti vegetali.
Sono sostanze che contengono in se, contemporaneamente, componenti Nutrizionali (vitamine, minerali, aminoacidi, oligoelementi) e componenti terapeutici o fitochimici (enzimi, alcaloidi, adattogeni, immunostimolanti, nervini ecc.). Sono esclusivamente vegetali (frutti, semi, tuberi, radici, funghi ecc.) e provengono prevalentemente dalle aree tropicali.
Possono essere utilizzati tal quali, come nel caso del frutto di Baobab, o del Noni oppure dopo un processo naturale (come nel caso della Papaia verde fermentata, della Acerola e dell’Acai).
Sono utilizzati sotto forma di liofilizzati o disidratati totali, di estratti secchi titolati e standardizzati oppure, piu raramente, sotto forma di succhi, sciroppi e, addirittura, polpa surgelata.
Possono essere utilizzati come “single note” (monoplanta) oppure in combinazione con sostanze vegetali ad azione sinergica.
Alcuni dei componenti presenti nelle piante edibili e in alcune bevande stanno suscitando notevole interesse scientifico per i loro potenziali effetti positivi nel mantenimento del benessere.
Sono i cosiddetti nutriceutici che esplicano le funzioni piu disparate e, operando parallelamente ai processi biosintetici, manifestano azione antiossidante e citoprotettiva determinando una diminuizione dell’incidenza di malattie cronico- degenerative.
Uno dei principali obiettivi della piu recente chimica delle sostanze naturali e l’individuazione di metaboliti biologicamente attivi presenti nelle piante, usate comunemente come vegetali nella dieta umana e che, nei secoli passati, hanno trovato impiego, oltre che come cibo o spezie, anche nella medicina popolare. Il contributo maggiore delle piante, nelle diete umane, e imputabile all’apporto di vitamine, acido folico e minerali. Tuttavia esse contengono altri metaboliti secondari, che vengono definiti nutriceutici e che sono stati, di recente, al centro di intensi dibattiti scientifici.
Le piante edibili sono ricche di terpenoidi, flavonoidi, alcaloidi, pigmenti, polifenoli, fitosteroli, acidi grassi insaturi, che hanno un ruolo importante nel mantenimento del benessere.
La dieta mediterranea include una buona quantita di piante alimentari (frutta, verdure, nocciole, semi, vino, olio di oliva) che impedendo le reazioni di ossidazione determinano una forte riduzione dei fattori di rischio in svariate malattie.
Alla luce di queste osservazioni la ricerca si propone di isolare e caratterizzare il maggior numero di metaboliti secondari su cui, poi, realizzare dei tests specifici per la valutazione dell'azione antiossidante.

Universita degli Studi di Napoli “Federico II”
Dipartimento “Chimica delle Sostanze Naturali”





Iscriviti alla nostra Newsletter
   OK